sei in: Attività > Archivio 2006-2009 > 2009 > Boccherini al centro, musica e parole > Coincidenze fortuite o debiti insospettabili? Haydn e la musica strumentale italiana

Coincidenze fortuite o debiti insospettabili? Haydn e la musica strumentale italiana


Federica Rovelli nella conferenza dal titolo “Coincidenze fortuite o debiti insospettabili? Haydn e la musica strumentale italiana”  analizzerà il rondò di fine ‘700 sottolineando le relazioni esistenti fra Joseph Haydn e alcuni compositori italiani fra i quali i toscani Giovanni Marco Rutini e Lodovico Giustini da Pistoia, e come la loro concezione dirondò contrasti con quella di Luigi Boccherini.


La conferenza sarà seguita dal concerto realizzato in collaborazione con l’Istituto Superiore di Studi Musicali «Luigi Boccherini» che vedrà esibirsi i violinisti Cristina Papini e Riccardo Caraceni. In programma il Duetto n.7 per due violini in mi bemolle maggiore «La  bona notte» di Boccherini e i Capricci n. 18 e n. 24 di Niccolò Paganini.