sei in: Attivitą > Conferenze Concerti > Le sinfonie di Luigi Boccherini

Le sinfonie di Luigi Boccherini


Il Centro studi Luigi Boccherini a Ferrara per il Convegno internazionale su

Le sinfonie di Luigi Boccherini
nel contesto della musica strumentale italiana tra Sette e Ottocento

Università di Ferrara
Dipartimento di Studi Umanistici, via del Paradiso 12

5-7 dicembre 2012

 

Mercoledì 5, giovedì 6 e venerdì 7 dicembre 2012, presso l'Università degli Studi di Ferrara si è svolto il convegno internazionale Le sinfonie di Luigi Boccherini nel contesto della musica strumentale italiana tra Sette e Ottocento.

Il convegno è stato inserito nell'ambito del Progetto di Rilevanza Nazionale 2009 finanziato dal Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca (MIUR) e dedicato alla catalogazione informatizzata delle musiche dei compositori italiani.

Si è trattato di un importante appuntamento, a cui hanno preso parte studiosi italiani e stranieri,  per comporre un quadro esauriente dell'esperienza sinfonica boccheriniana, che i recenti studi hanno valutato essere tra le più significative nel contesto del classicismo strumentale europeo (Haydn, Mozart).

Il convegno è stato realizzato delle Università di Pavia, Ferrara, Milano e Catania con la collaborazione del Conservatorio «Frescobaldi» di Ferrara, del Centro Studi Luigi Boccherini di Lucca e dell' Asociación Luigi Boccherini di Madrid.

PRIMA SESSIONE. Mercoledì 5 dicembre alle ore 15.00 la prima sessione, presieduta da Pietro Zappalà (Università di Pavia-Cremona e coordinatore nazionale  del PRIN 2009) ha ospitato interventi di Neal Zaslaw (Cornell University), Germán Labrador (Univeridad Autónoma de Madrid) e Paolo Giorgi (Università di Pavia-Cremona).

Alle 19.00 presso Palazzo Bonacossi si è svolto il concerto della Classe di Musica d'insieme per strumenti ad arco del Conservatorio di Ferrara che ha eseguito due Quintetti di Luigi Boccherini: il Quintetto in Re maggiore per flauto e archi op. 19 n° 6, G 430 "Las Parejas" e il Quintetto in Do maggiore per due violini, viola e due violoncelli  op. 10 n° 4, G 268.

SECONDA SESSIONE. Giovedì 6 dicembre la seconda sessione (dalle ore 9.30 alle ore 13.00), presieduta da Germán Labrador (Universidad Autónoma de Madrid), ha affrontato l'Esegesi delle fonti boccheriniane con interventi di Loukia Drosopoulou (Cardiff University) e Federica Rovelli (Humboldt Stiftung - Beethoven-Haus, Bonn).

E' seguita una tavola rotonda dal titolo Apporti strumentali nell'opera italiana tra Sette e Ottocento, coordinata da Paolo Fabbri (Università di Ferrara), a cui hanno partecipato Andrea Chegai (Università di Siena) e Alessandro Roccatagliati (Università di Ferrara).

Nel pomeriggio, dalle ore 15.00, Gabriella Biagi Ravenni (Università di Pisa) ha presieduto i lavori dedicati alle Questioni di analisi e interpretazione con interventi di Marco Mangani (Università di Ferrara), Matteo Giuggioli (Centre d'Études Supérieures de la Renaissance, Tours) e Elisabeth Le Guin (University of California at Los Angeles).

SESSIONE DI LAVORO. Venerdì 7 dicembre alle ore 9.30 si è aperta una sessione di lavoro interamente dedicata a Il nuovo catalogo delle opere di Boccherini (Gérard 2) progetto del Centro Studi Luigi Boccherini che fin dalla sua istituzione (2005) ha dato priorità alla revisione del catalogo delle opere del compositore lucchese realizzato da Yves Gérard (Thematic, Bibliographical and Critical Catalogue of the Works of Luigi Boccherini, London, Oxford University Press, 1969).

Il primo passo di tale progetto, coordinato dallo stesso Gérard, è già stato realizzato: la versione originale del catalogo cartaceo è stata digitalizzata ed ora consultabile sul sito www.luigiboccherini.it/gerard.

Durante la sessione di lavoro, coordinata da Yves Gèrard (Conservatoire de Paris, coordinatore del progetto di revisione) e da Gabriella Biagi Ravenni (Università di Pisa, vice presidente del Centro studi Luigi Boccherini), è stata presentata la prima tranche del nuovo catalogo, la catalogazione informatizzata delle Sinfonie, alla luce delle recenti acquisizioni di nuove fonti manoscritte e a stampa.

 

L'inserimento del Gérard 2 del Centro studi Luigi Boccherini in un progetto di ricerca la cui rilevanza è attestata dal ministero competente, e al quale partecipa anche il Dipartimento di Informatica e Comunicazione dell'Università degli Studi di Milano, mette in luce l'importanza di tale lavoro, che ci si augura possa interessare e coinvolgere altre istituzioni e studiosi internazionali.

 

Gli atti del convegno saranno pubblicati sul numero 6/2013 del «Boccherini Online» (www.boccherinionline.it), la rivista di musicologia del Centro studi Luigi Boccherini (ISSN 2239-828).

 

Programma completo
Comunicato
Locandina